La Marmora Ferrero Alfonso

Immagine autore

Alfonso Ferrero della Marmora (o Alfonso della Marmora o più comunemente Alfonso La Marmora) (Torino, 18 novembre 1804 – Firenze, 5 gennaio 1878) è stato un generale e politico italiano. Collaboratore del re di Sardegna Carlo Alberto, combatté nella prima guerra d'indipendenza (1848-1849). Nominato più volte ministro della guerra, fra il 1849 e il 1857 riorganizzò radicalmente l'esercito piemontese trasformandolo da forza di quantità in forza di qualità. Primo consigliere militare del presidente del Consiglio Cavour, nel 1855-1856 guidò con successo il contingente piemontese nella guerra di Crimea e fu ministro della guerra durante la seconda guerra di indipendenza. Fu presidente del Consiglio in varie occasioni dal 1859 al 1866, prima del Regno di Sardegna e poi del Regno d'Italia. Gestì con successo alcuni fra gli eventi più delicati del Risorgimento: la rivolta di Genova del 1849, la lotta al brigantaggio (dal 1861 al 1864), la giornata dell'Aspromonte, le conseguenze della convenzione di settembre, la conclusione dell'armistizio di Cormons e i rapporti diretti con Napoleone III di Francia. Diresse le trattative che portarono nel 1866 all'alleanza italo-prussiana e alla terza guerra d'indipendenza, durante la quale fu capo dell'esercito. Nonostante dal conflitto l'Italia avesse ottenuto il Veneto, La Marmora fu investito da gravi polemiche per la sconfitta di Custoza. Abbandonato anche dalla corte, si ritirò a vita privata. Viene a volte confuso con il fratello Alessandro, fondatore dei bersaglieri.


Categorie del personaggio

Gli autografi di questo personaggio