Gritti Andrea Doge

Immagine autore

Andrea Gritti (Bardolino, 17 aprile 1455 – Venezia, 28 dicembre 1538) è stato un mercante, militare e politico italiano e 77° doge della Repubblica di Venezia dal 1523 alla morte.


Andrea Gritti nacque da Francesco di Triadano Gritti e da Vienna di Paolo Zane. Dopo la prematura morte del padre, la madre si risposò con Giacomo di Dario Malipiero, dal quale ebbe altri due figli - Paolo e Michele - che Andrea amò come fratelli. Fu cresciuto dal nonno paterno che, dopo averlo educato privatamente, lo mandò a perfezionarsi a Padova. Inoltre, lo volle al suo seguito durante alcune missioni diplomatiche in Inghilterra, Francia e Spagna. Appena ventunenne sposò Benedetta di Luca Vendramin che tuttavia morì nello stesso anno dando alla luce il suo unico figlio legittimo, Francesco

Dopo questo evento, lasciò Venezia per stabilirsi a Costantinopoli dove si occupò essenzialmente di commerci (specialmente di granaglie). Acquistò una casa a Pera e qui convisse con una donna greca dalla quale ebbe quattro figli naturali, Alvise, Giorgio, Lorenzo e Pietro. Il periodo trascorso in Turchia fu assolutamente proficuo: favorito dai successi commerciali, riuscì a guadagnarsi la stima della comunità veneziana - di cui diventò sostanzialmente il capo - e degli stessi Ottomani, stabilendo un legame privilegiato con il gran visir Hersekli Ahmed Pascià, genero del sultano Bayezid II.


Categorie del personaggio

Gli autografi di questo personaggio