Configliachi Pietro

Immagine autore

Pietro Configliachi, o Configliacchi, (Milano, 7 novembre 1777 – Cernobbio, 24 giugno 1844), è stato un fisico, religioso e accademico italiano membro dell'ordine dei Barnabiti. 

Era fratello maggiore di Luigi Configliachi, abate barnabita, naturalista, fondatore dell'Istituto per ciechi di Padova e rettore dell'Università di Padova, che si era formato nella stessa scuola S. Alessandro di Milano.

Proveniente dal medesimo incarico ricoperto all'Imperial Regio Liceo di Cremona, fu dal 1804 successore di Alessandro Volta sulla cattedra di Fisica dell'Università degli Studi di Pavia, della quale fu anche rettore dal 1811 al 1814 e dal 1818 al 1819. Riprendendo ricerche di Volta, di Spallanzani e di Giuseppe Jacopi, riconobbe la presenza di ossigeno nelle profondità dei laghi subalpini. Effettuò ricerche sulla deviazione di un ago magnetico prodotta da un filo percorso da corrente. Nel 1814 pubblicò L'identità del fluido elettrico col così detto fluido galvanico, vittoriosamente dimostrata con nuove sperienze ed osservazioni in cui il Configliachi raccoglieva gli argomenti del Volta a supporto delle proprie teorie. 

Il 9 gennaio 1820 divenne socio dell'Accademia delle scienze di Torino.

Nel 1839 fu presidente della sezione di Fisica della I Riunione degli scienziati italiani che si svolse a Pisa.


Categorie del personaggio