De Cristoforis Malachia

Immagine autore

Malachia De Cristoforis (Milano, 9 novembre 1832 – Milano, 1915) è stato un patriota, medico e politico italiano. Fu deputato e poi senatore al Senato del Regno d'Italia. 

Il 25 aprile 1856 si laurea brillantemente in medicina, con una tesi sulle deviazioni uterine e la loro cura, e il seguente 6 agosto si laurea in chirurgia.

Nel 1859 si arruola volontario nei Cacciatori delle Alpi di Giuseppe Garibaldi ed è ufficiale medico nel corpo sanitario diretto da Agostino Bertani nella seconda guerra d'indipendenza.

Il 27 maggio 1859, nella battaglia di San Fermo, si vide morire tra le braccia il fratello Carlo, che non vedeva dal 1853, quando a seguito dei moti di Milano del 1853, fu costretto a fuggire all'estero.

Nel 1860, non riuscì ad imbarcarsi con Garibaldi da Quarto, ma lo seguì con la spedizione Medici del 10 giugno, e fu il braccio destro di Bertani, organizzatore della spedizione.

Nella ¨battaglia di Milazzo del 25 luglio fu in prima linea, vide dalle ambulanze la fine di circa 600 uomini, e nella battaglia del Volturno, si guadagnò la medaglia d'argento al valore militare, salvando due feriti sul campo di battaglia insieme a Jessie White.

Nella Campagna del 1866 fu ancora con Garibaldi, come capitano medico del corpo sanitario ancora diretto da Agostino Bertani, e meritò un'altra medaglia, dell'Ordine militare di Savoia, fu l'ultima impresa militare a cui prese parte.

Nel 1866 venne nominato medico aiutante all'Ospedale Maggiore di Milano e nel 1867 medico primario, dopo un regolare concorso.

Nel 1868 pubblicò presso l'editore Vallardi un importante lavoro di traduzione del trattato di ginecologia dell'inglese Charles West, arricchendolo di precisazioni, aggiunte e disegni non presenti nel testo inglese. Il volume fu dedicato a Salvatore Tommasi, celebre clinico napoletano contrario a tutti i dogmatismi che fino ad allora avevano operato in ginecologia.

Nel 1873 si dimise dall'Ospedale Maggiore, per operare in proprio.

Nel 1875 divenne direttore degli Annali universali di medicina, che diresse fino al 1878.

Nel 1875, in data 22 gennaio, è costruito presso il Cimitero Monumentale il primo crematorio d'Europa, voluto dalla Massoneria in contrasto con le autorità ecclesiastiche che invece osteggiavano aspramente quella pratica. Malachia De Cristoforis sarà nominato Presidente della Società di cremazione, fondata nel 1876.

Nel 1883 divenne libero docente di medicina nell'Università di Napoli.

Nel 1898 partecipò alla fondazione del giornale milanese Il Tempo, di indirizzo democratico radicale, del quale fu azionista.

Dal 1890 al 1897 diresse il Giornale delle levatrici.

Nel 1906 presiedette il primo convegno internazionale per le malattie del lavoro, che si svolse a Milano, durante il quale furono poste le basi per la istituzione della Commissione internazionale per le malattie professionali, della quale fu presidente, con Luigi Devoto come vicepresidente.

Nel 1907 presiedette il primo convegno nazionale delle malattie del lavoro, a Palermo.

Morì a Milano il 28 dicembre 1915.



Categorie del personaggio

Gli autografi di questo personaggio