Farnese Antonio

Immagine autore

Antonio Farnese (Parma, 29 novembre 1679 – Parma, 20 gennaio 1731) è stato l'ottavo duca di Parma e Piacenza dal 27 febbraio 1727 alla morte. Dopo di lui, attraverso la discendenza di Elisabetta Farnese, regina di Spagna, l'eredità farnesiana passò alla famiglia Borbone di Spagna e successivamente di Napoli. 

Quando Francesco morì improvvisamente il 26 febbraio 1727, il quarantottenne Antonio si trovò catapultato al centro della scena. Al momento della morte del fratello si trovava a Reggio per festeggiare il carnevale, un carnevale certamente più fastoso di quello parmense, visto che Francesco praticava una politica di austerità. Antonio corse a Piacenza per ricevere il giuramento dei sudditi, ma, per non creare incidenti diplomatici, non porse il suo né al papa né all'imperatore.

Ormai il problema del matrimonio era impellente, così Antonio decise di sposare una rappresentante della Casa d'Este, Enrichetta. Per i precedenti vincoli nuziali che erano intercorsi tra le due famiglie, fu necessario ricevere la dispensa papale, che fu accordata. Il matrimonio fu sfarzosamente celebrato il 5 febbraio 1728. La nuova duchessa fece il suo ingresso a Parma il 6 luglio. Gli Atti di Governo che il duca fece in tempo a porre in essere furono il rinnovo delle grida per l'incremento delle piantagioni di gelso al fine di favorire l'industria della seta e l'apicoltura, e per la ripresa della Fiera delle Mercanzie di Piacenza.

Nel 1729, dopo 40 anni, ripristinò l'uso delle maschere nel carnevale parmense.

All'improvviso, il 20 gennaio 1731, dopo tre giorni di sofferenze, causate da impeti di vomito e da febbre acuta, il duca morì. Aveva 51 anni.

Nel suo testamento, rogato un giorno prima di morire, aveva nominato erede universale il "ventre pregnante" della moglie, nominando al contempo un consiglio di reggenza formato dalla vedova, dal vescovo Camillo Marazzani, dal conte Odoardo Anviti, primo Segretario di Stato, dal conte Federico dal Verme, Maggiordomo di palazzo e da 2 Gentiluomini della Corte, il conte Jacopo Antonio Sanvitale ed il conte Artaserse Baiardi. In mancanza di un maschio avrebbe dovuto succedergli la discendenza di Elisabetta Farnese: l'erede non nacque mai e il ducato passò nelle mani di Carlo di Borbone, figlio di Elisabetta Farnese e di Filippo V di Spagna, secondo quanto stabilito nel trattato dell'Aia (gennaio 1720).


Categorie del personaggio

Gli autografi di questo personaggio