Toniolo Giuseppe

Immagine autore

Giuseppe Toniolo (Treviso, 7 marzo 1845 – Pisa, 7 ottobre 1918) è stato un economista, sociologo e accademico italiano, tra i protagonisti del movimento cattolico italiano. È ricordato soprattutto come il fondatore della Settimana sociale dei cattolici italiani, il cui centenario si è svolto nel 2007. È stato proclamato venerabile da Paolo VI il 7 gennaio 1971 e beatificato il 29 aprile 2012 dal cardinale Salvatore De Giorgi.

Giuseppe Toniolo da giovane Nacque a Treviso, nella parrocchia di Sant'Andrea, nel 1845, in una famiglia della buona borghesia veneta. La famiglia si trasferì in varie città del Veneto per seguire il padre, ingegnere. Giuseppe frequentò le scuole medie nel Collegio di Santa Caterina - poi "Marco Foscarini" - a Venezia. Proseguì gli studi alla Facoltà di Giurisprudenza dell'Università di Padova, dove i suoi maestri furono Fedele Lampertico e Angelo Messedaglia.

Si laureò il 21 giugno 1867. Già l'anno seguente fu nominato assistente alla cattedra giuridico-politica dell'Università di Padova; nel 1873 conseguì la libera docenza in Economia politica. Fu dapprima insegnante presso l'Istituto tecnico di Venezia (dal 1874); dopo una breve supplenza del Messadaglia nell'Università di Padova, nel 1878 fu chiamato come professore straordinario di Economia politica nell'Università di Modena e Reggio Emilia. Rimase a Modena solo un anno: nel 1879 ottenne grazie a un concorso l'insegnamento della stessa disciplina nell'Università di Pisa. Nel 1882 fu nominato professore ordinario nell'ateneo toscano. Toniolo tenne la cattedra di Economia politica fino alla morte (1918). Nel 1883 ebbe tra i suoi allievi a Pisa Werner Sombart, che divenne successivamente una delle massime autorità internazionali di economia politica[3].


Categorie del personaggio

Gli autografi di questo personaggio