Guizot Francois

Immagine autore

François Pierre Guillaume Guizot (Nîmes, 4 ottobre 1787 – Abbazia di Val-Richer, 12 settembre 1874) è stato un politico e storico francese.

Nacque a Nîmes da una famiglia borghese ugonotta. I suoi genitori si sposarono segretamente con rito protestante. L'8 aprile 1794 suo padre Andrea Guizot, accusato di federalismo fu giustiziato a Nimes nel pieno del Terrore.

Da questo momento fu sua madre Elisabeth Sophie Bonicel ad occuparsi della sua educazione. Era una donna fisicamente fragile, dai modi semplici ma con una grande forza di carattere. Era una tipica ugonotta, fortemente credente e rigidamente fedele ai suoi principi e animata da un forte senso del dovere. A questi principi modellò il carattere di suo figlio di cui condivise tutte le vicissitudini della sua vita . Esiliati da Parigi durante la Rivoluzione si rifugiarono a Ginevra dove Guizot fu educato secondo i principi liberali di Jean Jacques Rousseau. Secondo le teorie pedagogiche dell'Emilio di Rousseau il giovane Guizot dovette anche imparare un lavoro manuale. Fu così che apprese il mestiere di falegname e costruì egli stesso un tavolo che conservò sempre.

Tuttavia Guizot nella sua autobiografia "Ricordi del mio tempo" omette tutti i dettagli della sua infanzia. Quando Guizot era al culmine del suo potere politico la figurina snella di sua madre, sempre abbigliata in rigido lutto, era al centro dei circoli politici. Esiliato Guizot nel 1848 lo seguì a Londra dove morì in età avanzata. La sua tomba è a Kensal Gren. L'arrivo a Parigi Pauline e Henriette de Meulan All'età di 18 anni Guizot si recò a Parigi per completare la sua educazione presso la facoltà di giurisprudenza. Fu assunto come tutore nella casa di Philippe Alfred Stapfer, ex ministro di origine svizzera. Incominciò a scrivere per il giornale "Il Pubblicista" edito da Jean Baptiste Suard, attività che lo introdusse nei circoli letterari parigini. Nell'ottobre del 1809 a 22 anni la sua critica teatrale su "I Martiri" di François-René de Chateaubriand gli valse il ringraziamento dell'autore. In casa dell'editore del giornale conobbe Pauline de Meulan, una donna più grande di lui di 14 anni: aristocratica liberale, costretta dalla Rivoluzione a guadagnarsi la vita con la letteratura e che doveva scrivere una serie d'articoli per il "Pubblicista". Costretta da una malattia a interrompere la sua collaborazione, gli articoli ripresero a essere pubblicati da un ignoto redattore che si scoprì essere lo stesso Guizot. Questa collaborazione con la Meulan, autrice di numerosi lavori sull'educazione femminile, si trasformò in amicizia e poi in amore che portò al matrimonio nel 1812.Pauline morì nel 1827. La coppia ebbe un unico figlio nato nel 1819 e morto nel 1837 di tisi. Nel 1828 Guizot sposò Elisa Dillon, nipote della sua prima moglie e anche lei scrittrice che morì nel 1833, lasciando un figlio, Maurice Guillaume (1833-1892) che acquistò fama di dotto intellettuale e scrittore.


Categorie del personaggio

Gli autografi di questo personaggio